Senza categoria

RAGUSA: MAURIZIO TUMINO HA DETTO IL FALSO IN CONFERENZA STAMPA?

ANCORA SUL CASO TUMINO. LaPrimaTV torna sul rinvio a giudizio del candidato di Insieme-Forza Italia e, con una serietà e onestà giornalistica non comuni purtroppo in città e provincia, evidenzia ulteriori fatti: il falso in conferenza stampa e il notevole ammontare di crediti vantati da cooperative nei confronti dell'impresa dello stesso candidato. Mentre TUTTI gli altri candidati continuano a fare la parte di Ponzio Pilato, IO INSISTO sul mio argomento strettamente politico: l'ing. MAURIZIO TUMINO NON DOVEVA ESSERE CANDIDATO, per evidenti CONFLITTI D'INTERESSE. Si tratterebbe di un sindaco a metà, perché - se agirà correttamente - non potrà presiedere a tutte le riunioni di giunta in cui si parlerà di PRG o concessioni edilizie o materie similiari in conflitto con i suoi interessi professionali!


Maurizio Tumino, candidato a sindaco di Ragusa per una coalizione di centrodestra e imputato di appropriazione indebita dinanzi al Tribunale di Ragusa, ha de...

(RSS generated with FetchRss) Keep Reading

Senza categoria

ANCE Ragusa

MOLTO INTERESSANTE L’INCONTRO OGGI IN ANCE. Ho avuto modo di parlare della nostra idea di Città Futura, partendo dal documento preparato dall’associazione dei costruttori edili. Superando vecchie contrapposizioni ideologiche, ho avuto modo di riscontrare progetti e linguaggi moderni: edilizia del riuso, efficientamento energetico, sicurezza antisismica, social housing, ammodernamento e nuova efficienza della macchina amministrativa. Direi che si è aperto un canale di comunicazione e collaborazione su presupposti di innovazione e rilancio della Città Futura!


Incontro con il candidato Carmelo Ialacqua Sindaco di Ragusa. Condivisione e firma del Manifesto politico di ANCE Ragusa. Innovazione, City Manager, geotermia e concertazione.

(RSS generated with FetchRss) Keep Reading

Senza categoria

COMUNICATO DEL CANDIDATO CARMELO IALACQUA – CITTA’ FUTURA – IN MERITO ALLA VICENDA GIUDIZIARIA…

COMUNICATO DEL CANDIDATO CARMELO IALACQUA - CITTA' FUTURA - IN MERITO ALLA VICENDA GIUDIZIARIA DELL'ING. MAURIZIO TUMINO Avendo appreso la notizia del rinvio a giudizio del candidato sindaco, per Insieme-Forza Italia, Maurizio Tumino, mi corre l’obbligo innanzitutto di esprimere all'ingegnere Tumino l'augurio che possa dimostrare la sua assoluta estraneità ai fatti contestati già nella prima udienza fissata per il prossimo ottobre. Ricordo poi a tutti e a me stesso che tale evento non può costituire materia di scontro tra colpevolisti ed innocentisti, dal momento che la giustizia deve fare il suo normale corso e che sono previsti dal nostro sistema di giustizia fino a tre gradi di giudizio. Auguro inoltre all’ing. Tumino che stavolta i tempi della giustizia siano più celeri, rispetto al precedente rinvio a giudizio per fatti inerenti alla sua attività istituzionale in Commissione edilizia, conclusosi con un proscioglimento per prescrizione, impedendo quindi all’imputato di poter far valere in tribunale le ragioni della propria innocenza. Il fatto, tuttavia, evidenzia quanto da me più volte dichiarato, ovvero l’inopportunità della candidatura a sindaco dell’ing Maurizio Tumino per la possibilità concreta che, una volta eventualmente eletto sindaco, si profilassero conflitti d’interesse riferibili alle sue attività in qualità di progettista e costruttore. Situazione che, qualora l’ing Tumino non replicasse in qualità di sindaco quei comportamenti poco coerenti con il TUEL e le norme anticorruzione già messi in atto in qualità di consigliere comunale - e da me esplicitamente segnalati in Consiglio comunale - , restituirebbe alla città un sindaco a metà, essendo costretto ad uscire da tutte quelle sedute di Giunta che dovessero trattare materie edilizie confliggenti con gli interessi professionali dell’ing. Tumino. Resta quindi forte e decisa la mia avversione per la scarsa attenzione posta all’etica politica da parte di quella destra cittadina - che sostiene, insieme a deputati regionali e nazionali, la candidatura dell’ing. Tumino - che ho più volte definito “affaristica”. Su questo piano, strettamente politico, si misura la mia siderale distanza dal candidato sindaco Maurizio Tumino. Questo discrimine politico - e non quello giudiziario, peraltro in fieri - segna a mio avviso diversità incompatibilI tra le varie candidature espresse in città. Resta intatta la mia fiducia nei cittadini ragusanI, che il 10 giugno dovranno valutare con attenzione soprattutto storie, profili e comportamenti di chi si propone alla guida della nostra Ragusa. CARMELO IALACQUA - Città Futura

(RSS generated with FetchRss) Keep Reading

Senza categoria

Serata di Città Futura sulla Sostenibilità

SIAMO GENTE COMUNE. Ci riuniamo in un cinema, invitando pubblicamente tutti: per riflettere sul futuro del pianeta, pensando a cosa possiamo fare nel nostro piccolo a Ragusa. Ne discutiamo anche al buffet, gustando pietanze preparate dai nostri candidati consiglieri. Con serenità e allegria, portiamo avanti la nostra rivoluzione gentile. Noi di Città Futura siamo gente comune: siamo cittadini tra cittadini per i cittadini. Noi di Città Futura siamo pronti a progettare e creare il futuro di Ragusa: SIAMO RIVOLUZIONARI GENTILI !!



(RSS generated with FetchRss) Keep Reading

Senza categoria

Agedo Ragusa




AGEDO INTERROGA I CANDIDATI A SINDACO DI RAGUSA La data delle elezioni comunali si avvicina, sono tanti i temi che si dibattono in campagna elettorale, si discute poco o niente di diritti civili. Agedo ha preparato una lista di quesiti per cercare di capire come, una volta eletta o eletto, la nuova Sindaca o il nuovo Sindaco, intenderà affrontare una serie di tematiche care al mondo arcobaleno. 1- Cosa ne pensano i candidati alla carica di primo cittadino della città di Ragusa delle unioni civili? 2- Sono pronti a celebrarle con orgoglio tra persone dello stesso sesso? 3- Una volta eletti cosa farebbero per rendere finalmente fruibile lo strumento del registro delle unioni civili per la cittadinanza? 4- In che modo intendono sviluppare una corretta informazione in merito? 5- Quante risorse all’interno della casa comunale saranno dedicate ad erogare una corretta consulenza all’utenza che intendesse unirsi civilmente? 6- Ci sono all’interno del Comune degli spazi o degli sportelli appositi? 7- E’ loro intenzione produrre del materiale informativo ed organizzare dei pubblici convegni in merito? 8- Le coppie omosessuali potranno accedere al welfare gestito dal comune? 9- Qual è la posizione dei singoli candidati in merito alle tematiche ed alle richieste del mondo LGBT? 10- Quali sono le posizioni che il nuovo sindaco di Ragusa intende intraprendere contro le discriminazioni di genere ed il bullismo omofobico? 11- Agedo Ragusa è stata tra le associazioni promotrici della petizione a sostegno della realizzazione della Casa dei Diritti, quella che doveva diventare la sede naturale del registro delle unioni civili e dello sportello contro le discriminazioni di genere. Intendono i candidati a sindaco dotare anche Ragusa di una Casa dei Diritti? 12- I diritti del popolo arcobaleno finiranno in un cul-de-sac o continueranno il percorso di legittimazione appena iniziato anche a livello nazionale? Agedo Ragusa auspica di ricevere dai singoli candidati/e una risposta a quanto sopra dettagliato, con la consapevolezza che l’amore non ha sesso e i diritti sono di tutti.

(RSS generated with FetchRss) Keep Reading

Senza categoria

Agedo Ragusa




AGEDO INTERROGA I CANDIDATI A SINDACO DI RAGUSA La data delle elezioni comunali si avvicina, sono tanti i temi che si dibattono in campagna elettorale, si discute poco o niente di diritti civili. Agedo ha preparato una lista di quesiti per cercare di capire come, una volta eletta o eletto, la nuova Sindaca o il nuovo Sindaco, intenderà affrontare una serie di tematiche care al mondo arcobaleno. 1- Cosa ne pensano i candidati alla carica di primo cittadino della città di Ragusa delle unioni civili? 2- Sono pronti a celebrarle con orgoglio tra persone dello stesso sesso? 3- Una volta eletti cosa farebbero per rendere finalmente fruibile lo strumento del registro delle unioni civili per la cittadinanza? 4- In che modo intendono sviluppare una corretta informazione in merito? 5- Quante risorse all’interno della casa comunale saranno dedicate ad erogare una corretta consulenza all’utenza che intendesse unirsi civilmente? 6- Ci sono all’interno del Comune degli spazi o degli sportelli appositi? 7- E’ loro intenzione produrre del materiale informativo ed organizzare dei pubblici convegni in merito? 8- Le coppie omosessuali potranno accedere al welfare gestito dal comune? 9- Qual è la posizione dei singoli candidati in merito alle tematiche ed alle richieste del mondo LGBT? 10- Quali sono le posizioni che il nuovo sindaco di Ragusa intende intraprendere contro le discriminazioni di genere ed il bullismo omofobico? 11- Agedo Ragusa è stata tra le associazioni promotrici della petizione a sostegno della realizzazione della Casa dei Diritti, quella che doveva diventare la sede naturale del registro delle unioni civili e dello sportello contro le discriminazioni di genere. Intendono i candidati a sindaco dotare anche Ragusa di una Casa dei Diritti? 12- I diritti del popolo arcobaleno finiranno in un cul-de-sac o continueranno il percorso di legittimazione appena iniziato anche a livello nazionale? Agedo Ragusa auspica di ricevere dai singoli candidati/e una risposta a quanto sopra dettagliato, con la consapevolezza che l’amore non ha sesso e i diritti sono di tutti.

(RSS generated with FetchRss) Keep Reading

Senza categoria

Agedo Ragusa

Accolgo con piacere i quesiti posti da AGEDO ed intendo rispondere al più presto all'associazione, pubblicando peraltro i testi su questa pagina. Seguiteci, quindi.


AGEDO INTERROGA I CANDIDATI A SINDACO DI RAGUSA La data delle elezioni comunali si avvicina, sono tanti i temi che si dibattono in campagna elettorale, si discute poco o niente di diritti civili. Agedo ha preparato una lista di quesiti per cercare di capire come, una volta eletta o eletto, la nuova Sindaca o il nuovo Sindaco, intenderà affrontare una serie di tematiche care al mondo arcobaleno. 1- Cosa ne pensano i candidati alla carica di primo cittadino della città di Ragusa delle unioni civili? 2- Sono pronti a celebrarle con orgoglio tra persone dello stesso sesso? 3- Una volta eletti cosa farebbero per rendere finalmente fruibile lo strumento del registro delle unioni civili per la cittadinanza? 4- In che modo intendono sviluppare una corretta informazione in merito? 5- Quante risorse all’interno della casa comunale saranno dedicate ad erogare una corretta consulenza all’utenza che intendesse unirsi civilmente? 6- Ci sono all’interno del Comune degli spazi o degli sportelli appositi? 7- E’ loro intenzione produrre del materiale informativo ed organizzare dei pubblici convegni in merito? 8- Le coppie omosessuali potranno accedere al welfare gestito dal comune? 9- Qual è la posizione dei singoli candidati in merito alle tematiche ed alle richieste del mondo LGBT? 10- Quali sono le posizioni che il nuovo sindaco di Ragusa intende intraprendere contro le discriminazioni di genere ed il bullismo omofobico? 11- Agedo Ragusa è stata tra le associazioni promotrici della petizione a sostegno della realizzazione della Casa dei Diritti, quella che doveva diventare la sede naturale del registro delle unioni civili e dello sportello contro le discriminazioni di genere. Intendono i candidati a sindaco dotare anche Ragusa di una Casa dei Diritti? 12- I diritti del popolo arcobaleno finiranno in un cul-de-sac o continueranno il percorso di legittimazione appena iniziato anche a livello nazionale? Agedo Ragusa auspica di ricevere dai singoli candidati/e una risposta a quanto sopra dettagliato, con la consapevolezza che l’amore non ha sesso e i diritti sono di tutti.

(RSS generated with FetchRss) Keep Reading

Senza categoria

NEL NOSTRO PROGRAMMA: REDDITO COMUNALE GARANTITO PER I GIOVANI dai 19 ai 29 anni! “Il privilegio di…

NEL NOSTRO PROGRAMMA: REDDITO COMUNALE GARANTITO PER I GIOVANI dai 19 ai 29 anni! “Il privilegio di vivere giornalmente accanto a ragazzi conferisce la misura delle loro necessità. Ecco perché non parlo per sentito dire o avendo a disposizione un ridotto range di valutazione, ma avendo avuto a che fare negli anni con centinaia di ragazzi che lamentano sempre e soltanto una cosa: incertezze sul loro futuro”. Così il candidato sindaco di Ragusa in rappresentanza di Città Futura Carmelo Ialacqua ha inserito all’interno del suo programma, alla voce ‘Ragusa guarda ai giovani’, il progetto denominato ‘Reddito Comunale Garantito’. Si tratta dell’istituzione di un reddito minimo per i giovani dai 19 ai 29 anni che potranno accedere ad un programma di prestazioni di lavori utili alla comunità per i quali riceveranno un compenso che servirà ad investire sulla loro stessa formazione. “I nostri ragazzi – ha spiegato Ialacqua – non hanno nella nostra città un futuro e spesse volte sono costretti a scegliere altre sedi in cui vivere e lavorare, o a essere fagocitati dal mercato del lavoro senza ottenere nulla in cambio. È un sistema irriverente e soprattutto difficile da scardinare. Ecco perché io voglio che la pubblica amministrazione guardi a loro, come ciascuno di noi farebbe per i propri figli. Se gli si desse la possibilità di essere impegnati in attività lavorative che garantiscano anche una formazione, otterremmo due effetti: il primo non vedere questi ragazzi demotivati o vittime di un sistema iniquo, e come secondo effetto daremmo loro la possibilità di cimentarsi in attività che hanno un risvolto per la nostra città e che li responsabilizzerebbe. I fondi? Non è difficile verificare, anche in questo caso, l’ammontare delle royalties e destinare una parte a loro e alla possibilità della loro formazione. Un sindaco, un’amministrazione, una città devono per forza pensare anche a questa congrua fetta di cittadini che terminati gli studi superiori hanno bisogno di uno strumento per crescere e formarsi. Un sindaco, un’amministrazione, una città non possono tirarsi fuori da questo sistema immaginando che non sia affar loro. Io non ci sto! Pianificare interventi di pubblica utilità, senza scivolare nel facile assistenzialismo, è uno strumento di crescita e un segnale forte da fornire, senza facili proclami, ma seguendo quanto le normative ci mettono a disposizione. ‘Ragusa guarda ai giovani’ non è un facile slogan di campagna elettorale, ma deve essere un impegno concreto che io mi sento di assumere e che ha tutte le possibilità per essere realizzato, magari compiendo una oculata programmazione quinquennale che miri a migliorare le aspettative di chi riteniamo rappresenti il futuro, ma per cui non si assumono mai impegni”.



(RSS generated with FetchRss) Keep Reading

Go to Top