Movimento Città: Sì al PAES di Ragusa, ma subito lavoro per l’economia locale

in Movimento Città/Stampa by

Comunicato stampa di Movimento Città

Sì al PAES di Ragusa, ma subito lavoro per l’economia locale

Nella seduta del 27 gennaio 2015 il Consiglio comunale di Ragusa ha approvato il PAES, ovvero il Piano d’azione per l’energia sostenibile previsto dal Patto dei Sindaci. Si tratta di un atto di programmazione importante, forse il primo reale ed originale documento di pianificazione economica ed ambientale prodotto da questa Amministrazione.

Alla formazione del PAES ha dato un contributo continuo e propositivo Movimento Città, sia tramite il consigliere Carmelo Ialacqua, che ha partecipato attivamente a tutti i tavoli tecnici programmati dall’Amministrazione per incontrare le associazioni artigianali e professionali, sia promuovendo il dibattito tra i cittadini con interventi sulla stampa locale ed incontri pubblici.

La lettura operata da Movimento Città del PAES presentato dalla Giunta è stata articolata e consapevole della complessità del documento; sono state anche evidenziate subito talune criticità a partire da quella macroscopica dell’appostamento di ben 25 milioni di euro (su circa 41 milioni di investimenti previsti per tutte le azioni) per l’attivazione di una ferrovia urbana. Puntare tutto o quasi su questo futuribile progetto, per abbattere la maggior parte di CO2 prodotta in città nel settore del trasporto, è rischioso: potrebbe pregiudicare il raggiungimento dell’obiettivo finale del PAES, ovvero la riduzione del 23% di emissioni nocive.

Ci si è, tuttavia, concentrati sugli aspetti positivi di questo PAES, che comunque è un documento “dinamico”, essendo prevista la possibilità di modificarlo ed aggiornarlo nel tempo. Si è votato favorevolmente, argomentando in aula la posizione del Movimento e presentando al contempo un atto d’indirizzo, con lo scopo di individuare alcune priorità – le azioni rivolte agli edifici e servizi pubblici, al residenziale, alla produzione locale di elettricità – e una sicura ed immediata fonte di finanziamento: le royalties petrolifere (esattamente come prevede la normativa in materia). Bisognerà poi costituire un cospicuo fondo di garanzia, in accordo con il sistema bancario, per stimolare e sostenere la domanda di efficientamento energetico di famiglie e condomini.

L’importanza del Paes per la città di Ragusa è rappresentata dal fatto che questo strumento, oltre a perseguire risultati di miglioramento dell’ambiente, è fonte di rilancio dell’economia attraverso la rivitalizzazione di numerosi settori lavorativi: dall’edile all’impiantistica, dalla consulenza energetica all’artigianato degli infissi, fino al settore industriale del fotovoltaico. È la green economy, l’economia verde: un’opzione di crescita sostenibile cui Movimento Città crede fermamente, per il rilancio del lavoro e dell’occupazione giovanile a Ragusa.

La condivisione dell’importante atto d’indirizzo presentato dal consigliere Ialacqua del Movimento Città, anche da parte di quei consiglieri che non hanno votato il PAES, è stata accettata di buon grado. Non ci sono copyright da difendere: le proposte sono sempre pensate per il bene di tutti i cittadini. Tuttavia quest’atto d’indirizzo, così come tutta la battaglia portata avanti per il PAES – che oggi è solo alla prima stazione di un lungo percorso –, scaturisce da scelte di campo precise a favore dell’ambiente e dell’economia verde. Chi magari ha pensato di condividere l’atto d’indirizzo per pura tattica da vecchia politica, dovrà poi rendere conto alla città di certe prese di posizione poco coerenti con l’ambiente, a partire dall’approvazione acritica delle nuove politiche di ricerca ed estrazione del petrolio nel nostro territorio e nel nostro mare, per finire con certi progetti di speculazione edilizia e consumo insensato del suolo.

Movimento Città