Category archive

Fondi europei

Interrogazione consiliare su bandi europei

in Consiglio comunale/Fondi europei/News by

BANDI AMBIENTE E CITTA’ INTELLIGENTI. Il meet up 5stelle di Taranto incalza l’amministrazione comunale di quella città ad approfittare dei prossimi ricchi bandi europei HORIZON 2020. Qui a Ragusa, invece, dove i grillini sono maggioranza e guidano la città, tutto tace… Così, come avevo già annunciato pubblicamente, faccio mio quel documento di Taranto e lo presento, in forma di interrogazione consiliare rivolta al Sindaco e agli Assessori Martorana e Zanotto. Ascolteremo in Consiglio comunale le loro risposte…
Per leggere il documento del meet up di Taranto: https://beppegrillotaranto.wordpress.com/2016/09/26/horizon-2020-il-comune-di-taranto-vuole-perdere-questa-opportunita/
QUI IN BASSO LA MIA INTERROGAZIONE

Timeline Photos

Via Roma e fondi europei Horizon: ne parlo nella mia comunicazione

in Consiglio comunale/Fondi europei/Video by

Sono intervenuto oggi in Consiglio comunale, sull’incredibile stato di desolazione in cui versano via Roma e il centro storico superiore; sollecito inoltre l’amministrazione a progettare per tempo interventi di Smart city, in modo da non fallire i prossimi avvisi per fondi europei Horizon 2020. Ad inizio della comunicazione, ribatto sulle dichiarazioni in Aula del Sindaco, riguardanti nostre proteste sull’uso disinvolto delle royalties petrolifere operato dall’amministrazione grillina.

Interrogazione su “Ufficio Sportello Europa” – 10/09/2014

in Consiglio comunale/Fondi europei by

immagine_piccola_1Il capogruppo di Movimento Città, Carmelo Ialacqua, discute in Consiglio comunale, nella seduta del 10 settembre 2014, un’interrogazione riguardante l’effettività attività dell’Ufficio Sportello Europa. Di seguito trovate tutti i documenti di riferimento.

Termine per la presentazione delle domande Erasmus+ Anno 2014

in Cultura/Educazione adulti/Fondi europei/Giovani/News by
Erasmus+La scadenza di tutti i termini per la presentazione delle domande riportati sotto è fissata alle ore 12.00 (mezzogiorno), ora di Bruxelles.


Azione chiave 1

  • Mobilità individuale settore dell’istruzione, della formazione e della gioventù (tutti) 24 marzo (posticipata dal 17 marzo)
  • Mobilità individuale esclusivamente nel settore della gioventù 30 aprile – 1 ottobre
  • Diplomi di laurea magistrale congiunti 27 marzo
  • Eventi di ampia portata legati al Servizio volontario europeo 03 aprile

Azione chiave 2

  • Partenariati strategici nel settore dell’istruzione, della formazione e della gioventù (tutti) 30 aprile
  • Partenariati strategici esclusivamente nel settore della gioventù 1° ottobre
  • Alleanze per la conoscenza, alleanze per le abilità settoriali 3 aprile
  • Rafforzamento delle capacità nel settore della gioventù 3 aprile – 2 settembre

Azione chiave 3

  • Incontro tra i giovani e i responsabili decisionali nel settore della gioventù 30 aprile – 1 ottobre
  • Azioni Jean Monnet Cattedre, moduli, centri di eccellenza, sostegno alle istituzioni e alle associazioni, reti, progetti 26 marzo
  • Azioni nel settore dello sport Partenariati di collaborazione nel settore dello sport 15 maggio
  • Eventi sportivi a livello europeo senza scopo di lucro 14 marzo – 15 maggio
  • Alleanze per la conoscenza, alleanze per le abilità settoriali 3 aprile
  • Rafforzamento delle capacità nel settore della gioventù 3 aprile – 2 settembre

Erasmus+ 2014 al via: la città di Ragusa è pronta?

in Cultura/Educazione adulti/Fondi europei/Giovani/News/Video by

Erasmus+Possono iniziare a preparare le domande di sovvenzione le organizzazioni che nel 2014 desiderano trasmettere una candidatura per ottenere un finanziamento attraverso Erasmus+, il nuovo programma dell’Unione europea a favore dell’istruzione, della formazione, dei giovani e dello sport.  Nel 2014 Erasmus+ disporrà complessivamente di 1 miliardo e 800 milioni di euro! Chi può partecipare? Qualsiasi organismo, pubblico o privato, operante nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport. La città di Ragusa è pronta a cogliere al volo questa eccezionale occasione? Noi ci auguriamo di sì, perché Erasmus+ prevede stimolanti opportunità di mobilità per:

Keep Reading

Ragusa: 1 mln di euro da Palermo per compensare taglio trasferimenti

in Fondi europei/News by

Buone notizie per Ragusa e i suoi progetti per la città: nell’ambito della ri-programmazione di fondi europei, arriverà presto 1 milione di euro!
Qualche giorno fa, convocata dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Antonino Bartolotta, si è tenuta una riunione operativa con ANCI e tutti gli Enti destinatari dei 40 milioni di euro derivanti da PAC per Comuni superiori ai 30.000 abitanti. Le risorse (che serviranno a compensare i minori trasferimenti, circa il 25 %, previsti dal fondo delle autonomie per l’anno 2013) potranno essere utilizzate per progetti già utilmente inseriti (ma non finanziati per carenza di risorse) nei seguenti strumenti di programmazione delle Regione Siciliana:

  • Po-Fesr 2007/2013 Asse VI-Obiettivo operativo 6.1.1. e 6.1.3
  • Piano Città
  • Contratti di quartiere
  • Prusst
  • Programmi di riqualificazione urbana
  • Programmi integrati per il recupero e la riqualificazione delle città
  • Programmi integrati di interventi.

Oltre alle predette destinazioni, le risorse potranno anche essere utilizzate per costituire un fondo di progettazione per la realizzazione di progetti compatibili con la riqualificazione urbana da inserire nella programmazione 2014/2020.

Per chi volesse approfondire, pubblichiamo:

Ha inoltre dichiarato l’ormai uscente ass. Bartolotta: «Abbiamo voluto ampliare tale facoltà per incentivare i comuni a dotarsi in tempi utili di un parco progetti da inserire nella nuova programmazione 2014-2020, il cui avvio operativo è ormai prossimo; così facendo, permetteremo agli enti di avere le risorse per realizzare progetti anche di livello esecutivo e avviare percorsi virtuosi tipici dei “fondi di rotazione”, in quanto il fondo di progettazione in questione si potrà alimentare progressivamente con il finanziamento dei relativi progetti».

Fonte: http://www.tcftv.it/video/6352/piano-azione-e-coesione (video giornale)

Una piazza partecipativa online per discutere di green economy e fondi europei

in Democrazia partecipativa/Fondi europei by

La realizzazione è della Regione Emilia Romagna, che ha predisposto un apposito sito web con lo scopo di trasformarlo in una piazza partecipativa e discutere di obiettivi e linee strategiche, in merito alla prossima programmazione di fondi europei 2014-2020. Il sito si chiama IoPartecipo+ e nella sezione Green economy e sostenibilità energetica tutti gli stakeholders (i portatori di interesse) possono partecipare attivamente ad un ampio dibattito, tramite la visione di documenti e video, oltre che attraverso un forum con Radio24.

In ambito Green economy sono 2 gli ambiti individuati da questo pregevole processo partecipativo:

a) strumenti e politiche a disposizione del settore pubblico – qualificazione del patrimonio edilizio, consumi e appalti verdi, pianificazione energetica e patto dei sindaci;

b) settore del privato, dove allo sviluppo delle rinnovabili si affiancano efficientamento energetico e innovazione di prodotto e di processo, qualificazione del prodotto, recupero e riutilizzo degli scarti e materie prime seconde, senza dimenticare le opportunità legate all’internazionalizzazione e alla domanda di tecnologie “verdi”, che provengono in modo particolare dai mercati emergenti.

Sono ovviamente previsti anche degli incontri in presenza, il cui calendario è pubblicato sul sito POR PER FARE – Costruiamo insieme il Programma 2014-2020

C’è anche la possibilità di visionare il video del convegno “Green economy e sostenibilità energetica”, tenutosi a Bologna il 17 settembre 2013.

Questa dell’Emilia Romagna è davvero una buona pratica, sia in campo partecipativo che di utilizzo consapevole dei fondi europei; è troppo aspettarsi la nascita di qualcosa del genere anche in Sicilia o in qualche città siciliana?

 

Smart&Start: fondi europei per giovani con nuove idee imprenditoriali

in Fondi europei/Giovani by

Dal sito Smart&Start, ottime opportunità per giovani con idee innovative, che puntano sull’imprenditorialità:

Smart&Start sostiene progetti imprenditoriali a carattere fortemente innovativo, promossi da nuove imprese ubicate nel Mezzogiorno.

>> SMART  prevede contributi a copertura dei costi di gestione dei primi anni di attività, per le nuove imprese ubicate in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna Sicilia, che propongono modelli di business innovativi sotto il profilo organizzativo o produttivo, oppure orientati a raggiungere nuovi mercati o a intercettare nuovi fabbisogni.

>> START  prevede contributi a sostegno delle spese di investimento iniziali, per le nuove imprese ubicate in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia che intendono operare nell’economia digitale e/o valorizzare economicamente i risultati della ricerca, pubblica e privata.

I due incentivi – Smart e Start – sono cumulabili, fino ad un massimo di 500.000 € in quattro anni, per ogni impresa beneficiaria.

Gli incentivi sono rivolti alle società di piccola dimensione, costituite da meno di sei mesi.

Per richiedere le agevolazioni non è però necessario aver già costituito la società: possono accedere a Smart&Start anche “team” di persone fisiche in possesso di una business idea. La costituzione della nuova società sarà richiesta solo dopo l’approvazione della domanda di ammissione alle agevolazioni.

Importante
Smart&Start non è un bando: le domande verranno esaminate secondo l’ordine cronologico di invio, non è prevista una graduatoria, né una data ultima per la loro presentazione.

Per approfondimenti consultare le sezioni di questo sito dedicate ai due incentivi:

SMART

START  

Green economy: 120 borse di mobilità europea per giovani italiani

in Fondi europei/Giovani/Green Economy/News by

Un interessante bando, di recente emanazione, prevede l’assegnazione di 120 borse di mobilità Leonardo da Vinci distribuite come segue: 10 in Regno Unito; 20 in Spagna; 10 in Francia; 10 in Grecia; 10 in Lituania; 10 in Irlanda; 20 in Portogallo; 10 in Galles; 10 in Germania; 10 in Slovenia.

Gli obiettivi specifici che si intendono raggiungere sono:

  • acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e competenze  spendibili nel contesto di provenienza ai fini di un più agevole inserimento lavorativo;
  • favorire la mobilità europea di giovani in cerca di lavoro, per offrire loro un’esperienza di formazione e di tirocinio all’estero.

In tale contesto sono stati individuati tre settori specifici di intervento:

  • agricoltura sostenibile;
  • energie rinnovabili;
  • architettura eco-compatibile

I giovani italiani, cui è rivolto il bando, che vorranno cimentarsi nelle 11 settimane di tirocinio previste, dovranno possedere i seguenti requisiti generali:

  • in cerca di prima occupazione;
  • disoccupati;
  • inoccupati;
  • non avere usufruito in passato di una borsa di Mobilità Leonardo da Vinci – Azione PLM;
  • buona conoscenza della lingua del Paese di destinazione o della lingua veicolare per il Paese di destinazione
  • non avere lo status di “studente” vale a dire “non essere iscritto”, al momento della presentazione della candidatura, presso Corsi di Studio Universitari e Post-universitari (Esempio: ad un Corso di Laurea di primo o secondo livello, Master, Scuole di Specializzazione e/o Dottorati di Ricerca). Tale condizione dovrà essere mantenuta per tutta la durata del Tirocinio.

Requisito specifico, invece, per avere accesso alla selezione è il possesso, alla data di presentazione della domanda di partecipazione, di titoli di studio nelle seguenti aree tematiche connesse alla green economy:

 

  • agricoltura: possono partecipare agronomi, periti agrari, agrotecnici, biotecnologi agroindustriali, economi ed amministratori delle imprese agricole, economi del sistema agroalimentare e dell’ambiente, tecnici forestali, viticoltori ed enologi, e soggetti in possesso di titoli equipollenti;
  • energia: possono partecipare laureati in ingegneria, scienze ambientali, energy manager, esperti in gestione dell’energia, e soggetti in possesso di titoli equipollenti;
  • architettura eco-compatibile: possono partecipare laureati in architettura, geometri, periti tecnici, e soggetti in possesso di titoli equipollenti

 

Per ulteriori informazioni, si consulti il seguente sito: www.csaurora.it

Per scaricare il bando cliccare qui.

 

Asili nido: 104 mln di euro per i comuni siciliani

in Asili nido/Fondi europei/News by

Importantissima misura di finanziamento in Sicilia per interventi destinati a servizi di asili nido e a servizi di assistenza per anziani non autosufficienti. Il Programma, che si colloca nell’ambito del Piano d’azione Coesione (PAC), prevede per la Sicilia 104 milioni per i servizi all’infanzia e 128 per l’assistenza agli anziani. Le risorse saranno assegnato direttamente ai Comuni, che dovranno presentare piani di intervento conformi alle linee guida ministeriali.

Di seguito un esplicativo video che illustra sinteticamente il Programma (da BlogSicilia.it)

Go to Top