Category archive

Attivismo civico

IL FAI PROTEGGE RANDELLO! Grandissima notizia: il sito di Randello è tra i 24 interventi che il FAI…

in Ambiente/Attivismo civico/News/Politica by

IL FAI PROTEGGE RANDELLO! Grandissima notizia: il sito di Randello è tra i 24 interventi che il FAI realizzerà, a seguito dell’iniziativa i Luoghi del cuore 2017! Il risultato è indubbiamente tutto a merito del Comitato Randello Libera e della sua capacità di aggregare cittadini intorno a questa meritoria battaglia di civiltà! Molto modestamente, anch’io ho avuto l’onore di collaborare con il Comitato, contribuendo alla raccolta dei voti che hanno infine comportato la vittoria del sito di Randello nel concorso FAI.

(RSS generated with FetchRss)

Colate di cemento sulla collina di Montalbano – Comunicato di Movimento Città

in Ambiente/Attivismo civico/Comunicato stampa/Movimento Città by

COMUNICATO STAMPA DI MOVIMENTO CITTÀ

Colate di cemento sulla collina di Montalbano

 Movimento Città ha presentato nei giorni scorsi un dettagliato esposto alle autorità competenti, in merito a lavori edilizi che stanno modificando radicalmente lo skyline di Ibla: quello che si teme è la scomparsa definitiva di una di quelle vedute panoramiche che giusto lunedì scorso hanno continuato ad incantare decine di milioni di italiani, con le nuove puntate di Montalbano.

L’attenzione di Movimento Città si è concentrata sui lavori in corso (febbrili addirittura in queste ore) sul versante sud della cittadella barocca tra “A Bammina” e il Convento del Gesù, scorcio panoramico che fino a qualche mese fa si poteva ammirare, dalla strada che passa sotto l’Ospedale di Ibla, nella sua originale conformazione naturale caratterizzata dagli orti storici.

Quella che un tempo era una scenografica veduta, immortalata in decine di cartoline, centinaia di video e migliaia di scatti fotografici – compare anche nelle riprese aeree della serie tv di Montalbano -, oggi si presenta come un cantiere edile a cielo aperto, che, dietro vari mascheramenti, sta cominciando a svelare una “cartolina” molto poco edificante.

Movimento Città, raccogliendo le segnalazioni preoccupate di numerosi cittadini innamorati, come noi, di Ragusa e delle bellezze di Ibla, considerate ormai patrimonio di vanto nazionale ed internazionale, ha deciso di segnalare alle autorità una serie di attività quali: interventi sospetti sugli aspetti paesaggistici, naturalistici, idrogeologici dell’intera collina.

Ciò che Movimento Città ha chiesto alle autorità è la verifica dell’osservanza delle prescrizioni in materia di Piano paesaggistico, Piano particolareggiato, Piano dell’assetto idrogeologico.

Convinti che la nostra richiesta di tempestivi chiarimenti non cada nel vuoto, in attesa dei riscontri che vorranno operare tutte le autorità e gli uffici amministrativi interessati dal nostro esposto, riteniamo tuttavia importante che i ragusani vengano informati su quanto sta accadendo, sotto gli occhi di tutti, sulla collina di Montalbano. Con la speranza che si abbia la previdenza di salvaguardare un patrimonio, paesaggistico e monumentale, bene Unesco e patrimonio dell’umanità, ammirato ed invidiato nel mondo, che finalmente cominciava a diventare un volano di attività economica e ricchezza per tutto il territorio.

MOVIMENTO CITTÀ RAGUSA

Regolamento sui beni comuni urbani: il testo proposto

in Attivismo civico/Democrazia partecipativa/Movimento Città by

Labsus sito

Pubblichiamo per intero il testo della proposta di deliberazione consiliare riguardante l’adozione di un Regolamento per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani. Per approfondimenti in materia, consigliamo una visita al sito web di Labsus – Laboratorio di sussidiarietà.

Consulta il testo del Regolamento proposto dai consiglieri comunali Ialacqua, Stevanato, Massari

Leggi la relazione di presentazione dell’iniziativa consiliare

Nasce la “Rete delle Associazioni”

in Attivismo civico/Comune by

Con una discreta e quasi silenziosa delibera dirigenziale (n. 958 del 28/05/2014) l’Amministrazione rende noto che è sua intenzione costituire una “Rete delle Associazioni”, che raccolga  il volontariato del settore socio-assistenziale in una sorta di organismo consultivo e propositivo. La “Rete delle Associazioni” dovrebbe avere questi compiti, come recita il bando emanato:

  • partecipare all’analisi e verifica del bisogno sociale esistente nel territorio;
  • supportare la programmazione dei servizi socio-assistenziali;
  • collaborare alle iniziative e attività dei servizi sociali;
  • favorire un positivo raccordo tra istituzione e volontariato, evitando sovrapposizioni di ruoli, conflitti e “competitività”.

Le istanze di adesione sono state presentate entro il 31 maggio 2014. Daremo notizia, non appena ne saremo in grado, del numero degli aderenti, così come seguiremo con attenzione l’insediamento e i primi incontri di questo organismo.

L’iniziativa è sicuramente pregevole e va nel senso del riconoscimento pubblico di quel terzo settore del quale ormai non si può fare a meno, all’interno di un progetto di “sussidiarietà orizzontale“. Tuttavia è necessario che non si pensi di mettere su l’ennesima “Consulta”, quale luogo di confronto dialettico allargato ma senza alcuna incidenza reale. Così come pensiamo che iniziative del genere non vanno intese come mera “resa” del pubblico, sia pur in chiave sussidiaria, ai privati e al volontariato: resta responsabilità anche del pubblico studiare, monitorare e “comprendere” costantemente l’evoluzione dei bisogni e del malessere sociale.

Di seguito l’Avviso pubblico di manifestazione d’interesse emanata dal Comune:

rete_associazioni_bando

Marina: lo stadietto delle Sirene ritorna ai cittadini

in Attivismo civico/News by

Sabato 13 e domenica 14 luglio lo stadietto delle Sirene, a Marina di Ragusa, è stato popolato da una strana e inusuale compagnia. Cittadini ragusani, attivisti cinque stelle, neoconsiglieri comunali, neoassessori hanno imbracciato vanga e rastrello e, sotto il sole cocente d’estate, hanno cominciato a disboscare un’area che da troppo tempo è stata sottratta alla città. L’intervento dei volontari è stato preparato e guidato da Protezione civile (sezione comunale di Ragusa), volontari dei Vigili del fuoco, associazione Prometeo. Presente domenica mattina anche il neosindaco, Federico Piccitto. Si tratta del primo di una serie di interventi che verranno indirizzati al recupero e alla rivalorizzazione di aree dismesse ed abbandonate, con lo scopo di renderle fruibili per il tempo libero e la socializzazione.

E’ evidente che l’intervento allo stadietto di  Marina dovrà essere seguito da opere di messa in sicurezza dell’area e di recupero degli immobili, in grave stato di abbandono e degrado, come documentano alcune foto che ho avuto modo di scattare stamattina con il mio cellulare (da qui la qualità non eccelsa delle immagini). Pare tuttavia che la spesa per tale intervento sia già programmata da tempo, per cui l’azione di volontariato di stamattina assume il valore esemplare di una precisa volontà di attivismo civico, capace di fiancheggiare e stimolare l’azione della pubblica amministrazione.

Quale sarà ora la destinazione d’uso dello stadietto delle Sirene? Dei giovani lo utilizzavano già come area elettiva per evoluzioni sugli skateboards, con tanto di rampe in legno auto-costruite e gincana tra sterpaglie e siepi incolte; ora avranno la possibilità di muoversi con maggiore spazio e sicurezza. Molte famiglie ragusane e bagnanti pendolari potrebbero trovare qui quell’area di ristoro, per picnic e pennichelle, che al momento manca per le loro gite al mare. Il recupero degli immobili potrebbe poi riconsegnare a Marina spazi di socializzazione preziosi.

 2013-07-14 10.25.51 2013-07-14 10.32.43

 

2013-07-14 10.38.27

2013-07-14 10.48.58

2013-07-14 10.54.15

2013-07-14 10.53.15

2013-07-14 10.54.30

2423-g

Go to Top